L’ellisse. Società e politica dal “Riflusso” a “Tangentopoli”

Paolo Mattera

Abstract.

Il rapporto tra mondo politico e società civile negli anni Ottanta risulta estremamente complesso e contraddittorio. Per descriverlo sembra utile la metafora di una ellisse, che passa attraverso varie e complesse fasi. Inizia col riflusso, con la maggioranza degli italiani che passa dalla passione per le mobilitazioni collettive al desiderio della felicità individuale. Impera l’individualismo e si rifugge dall’impegno politico, mentre ci si volge alla ricerca di nuove figure di riferimento: prima il presidente Pertini e quindi, più tardi, la comparsa di nuovi protagonisti politici. Si afferma il PSI di Craxi, in un sistema però bloccato e privo di una vera alternanza di governo. Il benessere pare allora minacciato dal debito pubblico e della corruzione. L’ira popolare cresce, fino a “Tangentopoli” e al crollo dell’intero sistema.