Facce di festa, Lato D. Esperimenti di comunicazione, performatività e immaginari giovanili nei primi film di Studio Azzurro

di Alessandra Chiarini

Abstract
L’anno 1977 si può comprendere anche solamente attraverso due produzioni filmiche come Facce di festa e Lato D. In questi due film infatti, frutto delle esperienze del Laboratorio di Comunicazione Militante proseguita poi con Studio Azzurro, si ritrovano molte delle istanze proprie della generazione del 1977 che, a differenza di quella del 1968, è ora tutta introiettata dentro se stessa, complice la crisi economica e l’incertezza del futuro. Dalla loro analisi e dallo studio che ne consegue appare chiaro che assumono nuova importanza questioni e concetti come il “personale politico”, l’autodeterminazione femminile, la demistificazione degli ordinamenti gerarchici, il rifiuto dell’etica socialista del lavoro e la conseguente riconsiderazione del tempo libero.