Il corpo immaginato della Storia. Mitopoiesi e narrazione cinematografica in Paz! e Lavorare con lentezza

di Roberto Cavallini

Abstract
Attraverso il pensiero del filosofo francese Jacques Rancière, che si è a lungo interessato della costruzione del racconto (storico) che costituisce l’elemento fondamentale per capire il rapporto tra cinema e Storia, si compie un viaggio dentro due film, Lavorare con lentezza e Paz!. Con loro e dentro queste due pellicole, accumunate da tre elementi come l’assenza di linearità della trama, lo spazio e il tempo di ambientazione (Bologna nel 1977) e una caratteristica narrazione letteraria, si indaga sul rapporto tra cinema, Storia e rappresentazione. Espressione di un cinema politico, Lavorare con lentezza e Paz! si svincolano dalla tradizionale rappresentazione della militanza fornendo preziosi spunti di riflessione sul 1977.