Resistenza senza antifascismo. La Tv e il dibattito degli anni Novanta

di Vanessa Roghi

Abstract
Il discorso pubblico sull’antifascismo trovo un proprio fondamentale momento di svolta negli anni Novanta del XX secolo, quando emergono alcune delle principali peculiarità che hanno caratterizzato la nuova narrazione dell’antifascismo e della resistenza al cinema e, soprattutto, in televisione. In un periodo compreso tra il 1991, inteso come anno di svolta in quanto scompare il termine “antifascismo” e si impone il concetto di “anti-antifascismo”, e il 1994, quando viene messa in onda la trasmissione Combat film che propone l’idea che i morti fascisti e antifascisti siano uguali, In quegli anni si attua così una vera “rivoluzione” per la memoria pubblica dell’Italia Repubblicana. Da allora la storia della parte antifascista della società sarà lentamente espulsa dalla TV.