Cinema e storia 2019

Cinema e populismo. Modelli e immaginari di una categoria politica
a cura di Valerio Coladonato e Andrea Sangiovanni

“Populismo” sembra essere una delle parole chiave del nostro tempo: categoria politica dai confini mutevoli, fenomeno storico che ha avuto molteplici e diversissime declinazioni, è oggi tanto diffuso nei discorsi pubblici quanto sfuggente e apparentemente refrattario ad una definizione univoca. Questo numero di “Cinema e Storia” si interroga sul rapporto fra il cinema – nella sua dimensione di arte popolare – e il fenomeno che proprio al popolo e al suo primato nella sfera politica si richiama. Si può indagare il populismo attraverso il cinema? O anche: può il cinema – uno dei dispositivi che più e meglio di altri ha rappresentato le masse – aiutarci a definire il populismo oppure a fissarne alcune caratteristiche? E ancora: quali sono i rapporti che intercorrono tra il cinema, che ha la capacità di generare forme e immaginari condivisi, e quei fenomeni politici che, a diverse latitudini e in tempi differenti, sono riconducibili al concetto di populismo? Infine: può il cinema, in quanto strumento capace di dar forma all’investimento emotivo delle masse in individui “eccezionali”, costruire un contesto fertile per l’emergere del populismo? Il volume parte dal presupposto che per definire una categoria complessa e sfaccettata come quella di populismo sia necessario uno sguardo interdisciplinare, capace di indagare, oltre che il discorso politico, le forme che esso assume nella traduzione spettacolare che ne compie il cinema. I saggi esplorano cinematografie, paesi ed epoche diverse, aprendo una serie di percorsi interpretativi su questi ed altri quesiti, attraverso l’analisi di film significativi e la contestualizzazione storica dei fenomeni politici e delle loro rappresentazioni.

Acquista il numero in formato cartaceo.

INDICE

Cinema e populismo. Modelli e immaginari di una categoria politica
Valerio Coladonato e Andrea Sangiovanni

La giungla d’asfalto. L’influenza della mitologia populista anti-urbana nel crime film hollywoodiano (1905-1929)
Carlo Ugolotti

Champion of the Underdog. Il cinema populista di Will Rogers
Costanza Salvi

Un vagabondo diventa un leader populista. Arriva John Doe come riflessione cinematografica sul ruolo degli “uomini qualunque” nei processi politici
Anna Schober

I volti di Weimar. Populismo, fisiognomica e politiche del primo piano nelle sinfonie della città
Lorenzo Marmo

Risorgive di populismo slavofilo in Andrej Rublëv
Loïc Millot

Tra popolare e populismo. Commedia e immaginario politico nell’Italia del dopoguerra
Agnese Bertolotti

La critica del populismo calcistico nella commedia all’italiana: Il presidente del Borgorosso Football Club
Lynda Dematteo

La distopia del tempo presente in Signore e signori, buonanotte: una satira populista ma antidemagogica alla corruzione della Prima Repubblica
Domenico Guzzo

STILE LIBERO
a cura di Chiara Gelato

Banditi a Roma. Scritture audiovisive e immaginario della malavita capitolina da Romanzo criminale a Dogman
Matteo Santandrea

Stereotipi di genere, codici e clichés. Il cinema anticonformista dei Manetti Bros. Conversazione con Marco e Antonio Manetti
Daniela Ceselli

Catholicism and Cinema, tra modernità e modernizzazione
Mariangela Palmieri

I film storici della stagione 2017-2018
Pietro Masciullo e Luca Peretti

Bibliografia critica su cinema e storia. Triennio 2016-2018
Valerio Coladonato, Damiano Garofalo e Luca Peretti

CFP – Tra pubblico e privato. Storia e storie delle audience in era globale (n. 1/2018)

CALL FOR PAPERS

«Cinema e Storia. Rivista di studi interdisciplinari», n. 1/2018

Tra pubblico e privato. Storia e storie delle audience in era globale

a cura di Mariagrazia Fanchi & Damiano Garofalo

 

Lo studio delle audience del cinema ha rappresentato, per lungo tempo, un ambito ancillare: considerato un oggetto triviale, e comunque indagabile mantenendo il baricentro della riflessione sui testi (lo spettatore come costrutto semiotico) o sulle pratiche di produzione e di distribuzione (lo spettatore come esito delle strategie e delle forme dell’industria cinematografica), oppure infine sulle operazioni di propaganda e di mobilitazione politica (lo spettatore come strumento per creare consenso). Da questa posizione liminale e periferica, la riflessione sulle audience cinematografiche ha acquisito negli ultimi tempi un’inedita rilevanza, sia in ambito internazionale, sia in ambito nazionale, assumendo un rilievo particolare nelle ricerche di storia sociale e culturale con un respiro interdisciplinare, quali la storia dei consumi, la storia del gusto e la storia dei pubblici di cinema e televisione.

A questa recente emersione hanno contribuito diversi fattori: la nascita di associazioni europee dedicate alla storia delle audience di cinema (HOMER, per esempio, ma anche il workgroup “Audience” in NECS) che hanno dato un importante impulso alle ricerche in tal senso; l’apertura di punti di osservazione verso le audience non occidentali, sotto la pressione dei paradigmi della World History, e quindi il profilarsi di un ambito di studio del tutto nuovo, in una prospettiva apertamente post-coloniale; e ancora la sperimentazione di nuovi strumenti, prelevati dalla psicologia sperimentale e dalle scienze statistiche (i big data), così come la riscoperta e l’aggiornamento alla storia dei media di metodologie tradizionali – i metodi della storia orale, per esempio. Questa favorevole congiuntura ha sollecitato una ripresa della riflessione storiografica sulle audience, e una fioritura di studi e di progetti (fra gli altri, Italian Cinema Audiences lanciato da un pool di atenei inglesi).

A partire da questa recente prospettiva, che pone l’eterogeneità delle esperienze spettatoriali al centro della propria analisi, i singoli media non possono più essere studiati, di riflesso, come compartimenti stagni. Soltanto un approccio storico ed estensivo ai consumi mediali (cinematografici, televisivi, visuali) darebbe conto, pertanto, della praticabilità degli studi sulle audience, intese in senso globale e apertamente interdisciplinare. Per questo, tentare di storicizzare l’analisi delle audience vuol dire prima di tutto riconoscerne la varietà delle pratiche di fruizione nei mutamenti spaziali e temporali, mettendone a fuoco i processi di dislocazione culturale e soggettivazione identitaria nelle trasformazioni storiche. Non si tratta, quindi, di proporre esclusivamente una storia sociale e culturale dei pubblici, ma di considerare i mutamenti delle pratiche di visione nella storia come processi storici, come fonti legittime per la storia.

A questo proposito, il n. 1/2018 della rivista «Cinema e Storia» vorrebbe tenere conto della varietà di tali approcci, accogliendo una serie di casi di studio a partire da una (o più) delle seguenti direttrici (pur non limitandosi a esse):

  • Storia dei pubblici e delle pratiche di visione in Italia;
  • La storia dei consumi in una prospettiva globale;
  • La storia delle forme di socialità e delle pratiche sociali;
  • Le storie della vita privata, della famiglia, delle emozioni;
  • Consumi culturali, consumi mediali e la loro evoluzione storica;
  • Storia della ricezione applicata a generi e singoli prodotti culturali;
  • Fandom e stardom: scrivere agli idoli, negoziare la celebrità;
  • Audience e soggettività: gender, generazioni, gruppi e comunità, nazione;
  • Teorie femministe, mascolinità e pratiche di negoziazione di genere;
  • Audience e Queer/LGBT studies: identità sessuali e pratiche storiche di visione:
  • Sale cinematografiche e spazi di visione condivisa: storie sociali dei pubblici;
  • La prospettiva neuroscientifica nella storia delle audience;
  • Audience, contesti familiari, domesticità: conflittualità, condivisione, riflusso;
  • Audience e architettura dello spazio urbano: tra pubblico e privato;
  • Audience e World history: approcci globali, comparati e post-coloniali;
  • La storia delle audience in una prospettiva glocal;
  • Rielaborazioni degli studi sulla produzione a partire dalle audience;
  • Nuovi approcci teorici e storiografici alla storia dei pubblici;
  • Metodologie e strumenti applicati alla storia delle audience: dai big data alla ego-histoire;
  • Rappresentazioni dei pubblici nella stampa, nel cinema, nella televisione.

Le proposte (200 parole circa), corredate da un breve profilo biografico, dovranno essere inviate all’indirizzo redazione@cinemaestoria.it entro e non oltre il 31 marzo 2017.

Tutti i saggi, sottoposti al meccanismo di double blind peer review, dovranno essere consegnati entro e non oltre il 31 luglio 2017.

Per richieste di chiarimento o informazione si prega di scrivere a mariagrazia.fanchi@unicatt.it e/o damiano.garofalo@uniroma1.it