Archivi tag: Damiano Garofalo

Cinema e storia 2018

Storia e storie delle audience in era globale
a cura di Mariagrazia Fanchi e Damiano Garofalo

Lo studio delle audience ha attraversato come un basso continuo tutta la storia della ricerca sul cinema. Tema di sfondo, accessorio rispetto ad un’analisi concentrata sul film: sui suoi autori, sui suoi contenuti, sulle sue estetiche, sul suo funzionamento. lo spettatore era insomma sempre dietro le spalle dello studioso: attento a quanto accadeva sullo schermo, ma assai meno a chi affollava (fino a un certo punto almeno) le sale. da questa posizione liminale, la riflessione sulle audience cinematografiche ha guadagnato negli ultimi anni un’inedita rilevanza. Più il dispositivo cinema, inteso come apparato tecnologico e come insieme di testi e di pratiche di fruizione, si allontanava dal canone classico, più gli studiosi si rivolgevano allo spettatore, unico elemento della formula a restare, se non stabile, almeno identificabile. ecco così un fiorire negli ultimi anni di ricerche sui pubblici di cinema: quelli occidentali, su cui già si comincia a lavorare negli anni ottanta, complice la svolta revisionista della ricerca storica in ambito cinematografico, e quelli non occidentali, verso cui spingono le prospettive della world history; gli spettatori che ancora vanno in sala e quelli che vedono i film in televisione o sugli schermi dei propri laptop; gli spettatori di un tempo e quelli di oggi. il numero 1/2018 di ‘cinema e Storia’ è dedicato proprio a questo tema: negletto per molto tempo, oggi oggetto di un recupero energico che ne fa un campo di sperimentazione di metodi, letture, approcci. i saggi qui contenuti offrono uno spaccato prezioso delle sensibilità, degli oggetti e delle tecniche di ricerca storica sui pubblici di cinema. completa la rivista la sezione Stile libero con una conversazione con Ermanno Olmi, un saggio sul musical, uno sulla fabbrica della storia e uno sul dialetto romano nel cinema; oltre alle segnalazioni cinematografiche ed editoriali dell’ultima stagione.

Acquista il numero in formato cartaceo.

INDICE

Storia e storie delle audience. Una riflessione su fonti, metodi e nodi
Mariagrazia Fanchi e Damiano Garofalo

I consumi culturali in Italia nel lungo XX secolo
Emanuela Scarpellini

Immagini del pubblico nella stampa cinematografica italiana degli anni Cinquanta
Paolo Noto

Il pubblico del film d’autore nell’Italia degli anni Sessanta. Uno studio delle strategie di comunicazione della Cineriz
Francesca Cantore e Andrea Minuz

Frammenti di un discorso prevalentemente amoroso. Storie di spettatori e consumi cinematografici in cinquant’anni di canzoni italiane
Giovanni Memola

Cinema e tempo libero nell’Unione Sovietica degli anni Venti
Elizaveta Zhdankova

C’era una volta il cinema Corso. Storia di una sala cinematografica romana durante il fascismo
Edward Bowen

«L’arma più potente». Spettacoli cinematografici e audience nell’Africa orientale italiana
Gianmarco Mancosu

Gli anni d’oro del cinema turco. Pubblici e fandom nel periodo Yeşilçam
Yektanursin Duyan

Ritals e star. L’immigrazione italiana in Francia e il divismo cinematografico
Valerio Coladonato

Libertà è partecipazione. I cineclub dell’emigrazione italiana in Svizzera come spazi politici e pedagogici
Mattia Lento

Protesi mnestiche. Memorabilia ed esperienze spettatoriali
Paolo Caneppele

Gli scrapbook di Tatiana Grauding. Una spettatrice tra materialità e storia del cinema
Mariapia Comand e Andrea Mariani

«Con l’avvento della televisione, nuove forme di cortesia ci si impongono». Pratiche di visione televisiva e buone maniere nell’Italia del boom
Bruno Bonomo

Prove tecniche di trasmissione. Lascia o raddoppia? e il caso di Gino Prato
Anna Bisogno

STILE LIBERO
a cura di Chiara Gelato

L’evoluzione del dialetto nel parlato filmico, da Ladri di Biciclette a Lo chiamavano Jeeg Robot. Sceneggiatura e messa in scena
Daniela Ceselli

Per ascoltare i segreti del bosco. Conversazione con Ermanno Olmi
Federico Pontiggia

La fabbrica della storia, tra fonti tradizionali e rappresentazioni di massa
Mariangela Palmieri

Storia di un immaginario. Il musical
Roberta Torre

I film storici della stagione 2016-2017
Luca Peretti e Pietro Masciullo

Bibliografia critica su cinema e storia. Triennio 2015-2017
Valerio Coladonato, Damiano Garofalo, Dalila Missero, Luca Peretti

Cinema e Storia 2013

La Shoah nel cinema italiano

a cura di Andra Muniz e Guido Vitiello

Nel 2013 l’Italia non ha ancora un museo della Shoah. Nonostante i ripetuti proclami della politica, manca tuttora un’istituzione nazionale che, al pari di quel che avviene nel resto d’Europa, racconti attraverso la lente d’ingrandimento delle vicende italiane la storia dello sterminio degli ebrei d’Europa. La memoria, nel nostro paese, ha seguito altre vie, molte delle quali sono passate per la narrazione cinematografica. I saggi che compongono il secondo numero di «Cinema e Storia» si interrogano sul ruolo svolto dal cinema e dalla televisione, coprendo un arco che va dai primi film e documentari, oggi pressoché sconosciuti, ai successi internazionali come La vita è bella, dalla ricezione dei grandi film americani, come Schindler’s List, ai meno studiati generi “autoctoni” come quello che ha mescolato, fin dagli anni Settanta, erotismo e nazismo. Forme del racconto eterogenee che hanno attraversato la cultura italiana e che, di volta in volta, hanno intrecciato il discorso sulla Shoah ai grandi nodi della rimozione collettiva, dell’antifascismo, dell’identità cattolica, dei persistenti fantasmi dell’eredità mussoliniana.

 

Acquista il numero in formato cartaceo o digitale.

INDICE (Cliccare sulle voci per acquistare i singoli contributi)

Il cinema della Shoah negli anni del grande silenzio (1945-1970): un’introduzione
Marcello Pezzetti

Cinema, società italiana e percezione della Shoah nel primo dopoguerra (1945-1951). Nuove prospettive di ricerca
Andrea Minuz

Politica, memoria, identità. La ricezione italiana di Holocaust e Schindler’s List
Emiliano Perra

La vita è bella (ad Auschwitz): luogo della memoria e dell’amnesia
Giacomo Lichtner

L’erotica di Auschwitz. Una genealogia della «Nazi-Sexploitation» italiana
Guido Vitiello

This Must Be the Memory. Vent’anni di sguardi del cinema italiano sulla Shoah
Claudio Gaetani

Il carrello di Kapò visto da qui. Il film di Pontecorvo e la sua ricezione critica riletti in prospettiva
Claudio Bisoni

Le rose di Ravensbrück. Genere, memoria, documentario
Ivana Margarese

Costruzione della memoria e rappresentazioni sociali. L’immagine della Shoah nella stampa italiana (2012-2013)
Claudia Gina Hassan

Il mancato museo della Shoah
Robert S.C. Gordon

La Shoah nel cinema italiano: una ricognizione bibliografica
Damiano Garofalo

Il cinema italiano e la Shoah: una filmografia (1945-2013)
a cura di Damiano Garofalo